Ricerca progetti

Ultime news

 20 novembre 2017
Partner Meeting e User Forum del progetto RESCULT


A fine novembre si terranno a Venezia due importanti eventi relativi al progetto RESCULT: il ...

Leggi la news >>


 17 novembre 2018
SiTI sta studiando l’integrazione tariffaria della Regione Piemonte



L’assessore regionale ai Trasporti, Francesco Balocco, ha comunicato che a partire dal 2019 sarà attiva ...

Leggi la news >>


 17 novembre 2017
Meeting conclusivo del progetto H2020 INSPIRATION



Nei giorni 4-6 dicembre è prevista a Bruxelles una conferenza aperta di chiusura del progetto INSPIRATION, accompagnata dalle ...

Leggi la news >>


Soci Fondatori

Politecnico di Torino Compagnia di San Paolo

JRC INSPIRE, Danube Strategy - “Thematic Data Harmonization Pilot: Cultura Heritage use case

Logistica

Destinatari JRC Ispra

Durata del progetto 7 mesi (da novembre 2015)

Descrizione del progetto

Il progetto rappresenta una commessa dal JRC-IES della Commissione Europea (Joint Research Centre, Institute for Environmental and Sustainability) sulla base del know-how e delle competenze sviluppate da SITI nella realizzazione di database trans-frontalieri in base ai formati previsti dalla Direttiva Europea INSPIRE (in particolare nei progetti PICRIT e FORTRESS, e nell’incarico JRC nel novembre 2014).

La Direttiva Europea INSPIRE (Infrastructure for Spatial Information in Europe) fornisce linee guida per regolamentare i formati dei database territoriali, con l’obiettivo di costruire in prospettiva degli standard obbligatori per tutti gli stati dell’Unione Europea.

Il progetto prevede lo sviluppo di un database internazionale basato sulla normativa INSPIRE finalizzato a supportare le strategie europee per le regioni del bacino del Danubio (Danube Strategy) con particolare riferimento alla protezione e messa in sicurezza dei beni culturali.

Il database verrà costruito a partire dai dati contenuti nell’archivio del JRC (DRDSI Platform) e in una serie di altre fonti ufficiali presenti negli stati della Danube Region, e consentirà di tracciare statistiche sull’esposizione dei beni culturali (musei, monumenti, ecc.) al rischio di inondazioni, incendi e terremoti.

Obiettivi

L’obiettivo principale è quello di elaborare processi innovativi per la condivisione di dati territoriali all’interno della regione del Danubio, includendo l’identificazione delle sorgenti di dati esistenti. I dati verranno immessi all’interno di un database internazionale e impiegati per analisi statistiche territoriali sulla vulnerabilità e rischio delle infrastrutture rispetto ai disastri naturali. Più in dettaglio, il progetto punta a:

  • Identificare la disponibilità di dati esistenti sulla piattaforma DRDSI
  • Identificare e analizzare i dati relativi ai rischi naturali e ai beni culturali presenti nella regione del Danubio
  • Progettare “data model” innovativi riguardo i beni culturali e i rischi naturali
  • Costruire un database pilota per la regione del Danubio
  • Produrre analisi statistiche in merito all’esposizione dei beni culturali ai rischi naturali

Metodi

I dati di input per la costruzione del database verranno raccolti dalle principali sorgenti open source disponibili (OpenStreetMap, Wikipedia, ecc.) e da database appartenenti ad organizzazioni internazionali.

I dati raccolti verranno processati all’interno di un database basato sulla direttiva INSPIRE utilizzando il tool “Interactive Data Specification” fornito dal JRC al fine di identificare e elaborare modelli di dati inerenti i beni culturali e i rischi naturali

Competenze

  • Risk analysis (in particolare legata ai disastri naturali)
  • Conoscenza della Direttiva INSPIRE
  • Sicurezza dei Beni Culturali
  • Realizzazione di Database
  • Analisi spaziali e Sistemi Geografici informativi (GIS)

Contenuti Innovativi

Il database permetterà agli stakeholders della regione del Danubio (enti amministrativi, istituti di ricerca, organizzazioni non governative,....) la condivisione di dati e informazioni in formati standard, con l’obiettivo di incrementare l’interoperabilità delle infrastrutture preposte a garantire la sicurezza del territorio sia a livello nazionale che internazionale.

L’incarico rafforzerà ulteriormente la collaborazione con il JRC, costruendo competenze distintive in SITI che porranno l’istituto come una struttura all’avanguardia nella realizzazione di banche dati internazionali secondo i formati imposti dalla direttiva INSPIRE (che diverrà uno standard obbligatorio per gli stati membri entro il 2020).

La creazione di un primo caso pilota europeo nel settore della sicurezza dei beni culturali valorizza il processo di costruzione di competenze nell’ambito del Centro Internazionale di Bosco Marengo, e costruisce una rilevante sinergia con le attività di cooperazione sul tema dei beni culturali avviate nell’accordo officiale tra SITI, Politecnico e Comune di Torino.

Il contesto della Danube Strategy inoltre apre significative prospettive di follow-up, in particolare attraverso la costruzione di network interazionali con enti autorevoli e partenariati strategici per partecipare ai bandi ed alle varie attività previste per la Danube Region.

Risultati attesi e conseguiti

  • database pilota per la regione del Danubio seguendo i criteri della Direttiva INSPIRE con riferimento alla protezione e messa in sicurezza dei beni culturali da rischi naturali (alluvioni, incendi e terremoti).
  • una pubblicazione scientifica ufficiale della Commissione Europea partecipata da SITI
  • un documento “user story” pubblicato sul sito della Commissione nella sezione relativa allo sviluppo della Danube Region.